Sun, Jan 12 | Palazzina Liberty

A Beethoven

Trascrivere è tradire? Il Novecento ha avuto talvolta un atteggiamento moralista nei confronti della pratica della trascrizione e dell’arrangiamento, estremamente diffusa in tutta la storia della musica.
La registrazione è stata chiusa

Orario & Sede

Jan 12, 2020, 6:20 PM
Palazzina Liberty, Largo Marinai d'Italia, 20135 Milano MI, Italia

L'evento

 

Trascrivere è tradire? Il Novecento ha avuto talvolta un atteggiamento moralista nei confronti della pratica della trascrizione e dell’arrangiamento, estremamente diffusa in tutta la storia della musica. Eppure Mahler diede un esempio di libertà con la sua versione orchestrale del Quartetto “La morte e la fanciulla” di Schubert. Ispirandoci a una ritrovata libertà, proponiamo alcuni Quartetti di Beethoven in una inusuale versione orchestrale, che ci permette di riavvicinarci a questi capolavori con orecchie nuove. Inoltre, quale occasione migliore per presentare, accanto a un innovatore per eccellenza come Beethoven, una nuova creazione? Via Lucis delle Ombre è un lavoro di Andrea Portera, appositamente dedicato al Quartetto Indaco.

Quartetto Indaco, prime parti e concertatori Orchestra Milano Classica

Programma

Ludwig Van Beethoven Quartetto op. 18 n. 6 in Si bemolle maggiore (arr. per orchestra d’archi) Quartetto op. 95 “Serioso” in fa minore (arr. per orchestra d’archi) Andrea Portera (1973) “Via Lucis delle Ombre” per quartetto concertante e orchestra d’archi (Pezzo dedicato al quartetto Indaco, prima esecuzione assoluta 2019) Ludwig Van Beethoven dal Quartetto n. 13 in Sib maggiore op. 130 “Cavatina: Adagio Molto Espressivo” (arr. per orchestra d’archi)

La registrazione è stata chiusa

Condividi questo evento